Ora legale: i ritmi sconvolti e …

Cambi d'umore, insonnia e…

Talassemia: curata in un giovane…

[caption id="attachment_9…

Eternit: perché è "killer".

Asbesto, asbestosi. Parol…

Il DNA potrebbe essere prova 'vu…

[caption id="attachment_1…

Disfunzione erettile: nuovo farm…

Si scioglie in bocca in p…

Statine aiutano a prevenire un s…

[caption id="attachment_8…

Autismo: stimolazione cerebrale …

La stimolazione cerebrale…

I tumori della testa e del collo

I tumori della testa e de…

Apnea notturna e rischio di polm…

Le persone con apnea nott…

HIV: lo studio completo della "n…

Ricostruita in dettaglio …

«
»
TwitterFacebookPinterestGoogle+

Jogging: anche pochi minuti al giorno riduce eventi cardiovascolari

– Correre anche solo pochi minuti al giorno o a bassa velocita’ puo’ ridurre significativamente il rischio di una persona di morire per malattie cardiovascolari rispetto a chi non fa proprio jogging.


Almeno questo e’ quanto emerso da uno studio della Iowa State University Kinesiology Department in Ames, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology.  I ricercatori hanno coinvolto 55.137 adulti di eta’ compresa tra i 18 e i 100 anno seguiti per un periodo di 15 anni. Nel periodo di studio sono morti 3.413 partecipanti, tra cui 1.217 per malattie cardiovascolari. Nel campione il 24 per cento ha riferito di correre. Rispetto ai non corridori, quelli che fanno jogging hanno un rischio del 30 per cento piu’ basso di morire per tutte le cause e del 45 per cento piu’ basso di morire per malattie cardiache o ictus.

Inoltre, i corridori hanno vissuto in media 3 anni piu’ a lungo. In particolare, i partecipanti che correvano meno di 51 minuti, a bassa velocita’, anche solo 1 o due volte a settimana avevano un rischio inferiore di morire.

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: